Le questioni chiave per le imprese in una probabile rivincita Trump-Biden

0
(0)

Dopo aver battuto Nikki Haley nel New Hampshire martedì, Donald Trump ha riaffermato la sua posizione di principale candidato a vincere la nomination repubblicana. Ciò porta i leader aziendali ad affrontare la possibilità di un’altra presidenza Trump e i loro investitori che cercano di capire cosa potrebbe significare per i loro profitti.

Le domande, forse non a caso, provengono da ogni angolo dell’economia.

Giovedì, durante la conferenza sugli utili trimestrali di Blackstone, un analista voleva sapere se l’incertezza su chi avrebbe vinto un probabile incontro Biden-Trump potesse congelare il flusso degli accordi. («Direi che l’attività di transazione sarà più legata alle attività della Fed», ha affermato Jonathan Gray, presidente e direttore operativo della società.)

Altrove, durante una telefonata con la società di servizi finanziari Bread, un analista si è chiesto ad alta voce se una seconda amministrazione Trump potrebbe ribaltare una norma proposta sulle penalità per i ritardi delle carte di credito. («La speranza non è una strategia», ha risposto l’amministratore delegato dell’azienda, Ralph Andretta.) E Jeff Arnold, amministratore delegato della società di sanità digitale Sharecare, ha risposto a una domanda in una conferenza sul fatto che le elezioni potessero minacciare l’Affordable Care Act. . («Alla fine, pensi che sarà più interessato ad attaccare l’ACA o qualcos’altro?» ha detto di una potenziale presidenza Trump. «Penso che probabilmente sarà qualcos’altro.»)

Mancano ancora molti mesi alle elezioni di novembre e i dirigenti non sono certo ansiosi di parlarne. “La maggior parte dei leader aziendali sta cercando di stare il più possibile lontano dalla politica, soprattutto in quest’anno di elezioni presidenziali”, ha affermato Lori Esposito Murray, presidente del Comitato per lo sviluppo economico del Conference Board.

Ma ecco alcune delle questioni chiave che sono in cima alle loro menti.

Su alcuni argomenti, né Trump né il presidente Biden hanno la risposta che le aziende desiderano. In un sondaggio condotto dal Conference Board su circa 1.200 dirigenti di alto livello, i dirigenti hanno affermato che il rischio maggiore era l’aumento del debito nazionale. Sebbene Haley abbia fatto della riduzione della spesa pubblica una parte della sua campagna, né Trump né Biden ne hanno fatto una priorità. «Non penso che ci sia un candidato particolarmente incoraggiante su questo tema», ha detto Murray.

Sulle imposte sulle società, una seconda amministrazione Trump avrebbe molto probabilmente meno effetto della prima, che ha convertito in legge un taglio dell’aliquota fiscale sulle società, dal 35 al 21%, ha affermato Andy Laperriere, responsabile della politica statunitense presso Piper Sandler. “Penso che sarà una sfida abbastanza grande anche solo estendere i tagli fiscali individuali in vigore oggi che scadono alla fine del 2025”, ha affermato.

Trump ha promesso di dare una scossa al commercio, ma come? Biden ha mantenuto in vigore molte delle tariffe dell’amministrazione Trump. Ha limitato la vendita di alcune tecnologie alla Cina e sta valutando nuove misure protezionistiche per aiutare le aziende statunitensi a competere con Pechino. Trump ha proposto politiche commerciali di portata molto più ampia, come l’imposizione di dazi del 10% su tutte le importazioni.

«Ci sarà molta incertezza su come andrà a finire», ha detto Laperriere. “Abbiamo questa tariffa del 10% su tutta la linea? Ha davvero l’autorità per farlo? Ci prova? Si ritira semplicemente dall’Organizzazione Mondiale del Commercio?” Ha aggiunto: “Penso che ciò su cui gli investitori dovrebbero scommettere è che Trump prende sul serio tutto questo. “

Gli incentivi climatici potrebbero essere in pericolo. Sarebbe necessaria un’azione del Congresso per apportare modifiche radicali all’Inflation Reduction Act di Biden, che ha accantonato 370 miliardi di dollari in spese e crediti d’imposta per investimenti in energie rinnovabili. Jeff Navin, che è stato vice capo dello staff del Dipartimento dell’Energia durante l’amministrazione Obama e co-fondatore della società di affari governativi Boundary Stone Partners, ha affermato che un’amministrazione repubblicana (anche una che in precedenza aveva annullato più di 100 regole sul clima, come ha fatto Trump) ha fatto) era improbabile che spendesse il capitale politico necessario per farlo. «Non vedo persone che fanno campagna a riguardo», ha detto.

Un altro fattore che potrebbe rendere l’abrogazione dell’IRA una priorità bassa: la maggior parte dei suoi investimenti in energie rinnovabili stanno confluendo negli stati rossi.

Anche così, le agenzie federali, che sono dirette dalla Casa Bianca, potrebbero interferire con l’attuazione della legge, ad esempio trattenendo prestiti o modificando i requisiti di ammissibilità per le sovvenzioni. «Agiranno di fornitura in fornitura e attaccheranno le cose», ha detto Navin di una potenziale amministrazione repubblicana. Alcune aziende che beneficiano dell’IRA affrontano rischi maggiori di altre. “La politica sulla diffusione della produzione di energia pulita è molto diversa da quella sulla produzione solare, che è molto diversa dalla politica sui veicoli elettrici”, ha detto Navin.

Sul ballottaggio c’è incertezza. Secondo l’indagine del Conference Board, il conflitto geopolitico occupa il primo posto nella lista dei principali rischi per i dirigenti statunitensi. Al terzo posto si è classificata la guerra in Medio Oriente, al quinto posto la guerra in Ucraina, sfociata in un conflitto NATO più ampio, e al sesto posto la presa di Taiwan da parte della Cina continentale. «Sia Biden che Trump pongono molti rischi per i mercati che storicamente non abbiamo mai visto», ha detto Laperriere. Ha aggiunto: “Penso che con Trump i rischi siano maggiori in termini di instabilità commerciale e geopolitica”.

Più vicino a casa, Trump deve affrontare diverse cause legali e 91 accuse di crimini. Ha continuato a sostenere infondatamente che le elezioni sarebbero state truccate, il che pone un altro tipo di rischio per le imprese. “La democrazia è fondamentale per un’economia di libero mercato”, ha affermato Murray. «Sono davvero invischiati come uno.» – Sarah Kessler

Jack Ma sta acquistando azioni di Alibaba. Il co-fondatore del colosso cinese dell’e-commerce ha acquistato azioni della società, il cui prezzo delle azioni è crollato dal picco del 2020. Ma è in gran parte scomparso dalla vista del pubblico dopo che le critiche alle autorità cinesi hanno provocato un giro di vite normativo sul suo impero e sui settori tecnologici più ampi.

La FTC persegue gli accordi di start-up di intelligenza artificiale di Big Tech. L’autorità di regolamentazione ha annunciato che indagherà sugli investimenti multimiliardari di Microsoft, Amazon e Google in OpenAI e Anthropic. Lina Khan, presidente della FTC, ha affermato che le strette relazioni potrebbero ostacolare l’innovazione e danneggiare i consumatori, anche se non si tratta di acquisizioni ma di investimenti.

Netflix e la WWE stringono un accordo di streaming da 5 miliardi di dollari. La società di intrattenimento ha stipulato un accordo da 5 miliardi di dollari per mandare in onda «Raw», lo spettacolo dal vivo settimanale della WWE. Un co-amministratore delegato di Netflix, Ted Sarandos, ha affermato che l’accordo non significa che la società si spingerà verso la trasmissione sportiva in diretta, come hanno fatto altre società tecnologiche. Separatamente, Vince McMahon si è dimesso da presidente esecutivo del gruppo madre della WWE dopo che un ex dipendente lo ha accusato di violenza sessuale e traffico sessuale.

La frenesia di accordi da parte dei giganti del petrolio quest’autunno ha messo sotto i riflettori la piccola Guyana, scrive Vivienne Walt per DealBook. La nazione sudamericana ospita gigantesche riserve petrolifere che Exxon Mobil e Chevron, che pubblicheranno entrambe gli utili del quarto trimestre la prossima settimana, scommettono che trasformeranno l’economia delle Big Oil.

Ma all’improvviso quelle scommesse sembrano più rischiose. Il mese scorso, Nicolás Maduro, presidente del Venezuela, ha ordinato a circa 6.000 soldati di recarsi al confine con la Guyana, promettendo di conquistare due terzi del paese, compresi i suoi giacimenti petroliferi. “Siamo guerrieri”, ha dichiarato.

Temendo che potesse scoppiare un conflitto, la Gran Bretagna spostò una nave da guerra vicino al sito di trivellazione della Exxon, e l’assicuratore marittimo Lloyd’s aggiunse gli impianti petroliferi offshore in una zona economica speciale della Guyana alla sua lista delle zone di navigazione a più alto rischio. Maduro, che rischia la rielezione quest’anno, ha affermato che l’esplorazione di petrolio e gas dovrebbe iniziare “immediatamente”.

Uno scontro militare in Guyana avrebbe conseguenze globali. Lo sfruttamento delle vaste riserve petrolifere della nazione 10 anni fa è stata «la scoperta più significativa dell’era moderna», ha affermato Schreiner Parker, socio dirigente per l’America Latina di Rystad Energy, una società di consulenza. Ha affermato che con le sole scoperte esistenti, la Guyana potrebbe produrre più di 1,8 milioni di barili al giorno entro il 2033. Ciò la renderebbe l’undicesimo produttore di petrolio più grande del mondo e annullerebbe di fatto alcuni degli sforzi dei pesi massimi dell’OPEC come l’Arabia Saudita per mantenere le forniture limitate e prezzi alti.

Un ulteriore fattore: il petrolio della Guyana sarebbe più economico da produrre rispetto al greggio russo o allo scisto americano. Inoltre, il carburante richiede meno emissioni di carbonio da estrarre, il che lo rende particolarmente prezioso poiché i governi e le imprese intensificano i loro sforzi per raggiungere l’obiettivo zero.

Exxon è già stata scottata dalla geopolitica nella regione. Nel 2007, il presidente Hugo Chávez del Venezuela sequestrò la maggior parte delle riserve del paese, dando inizio a una disputa che rimbalzò per anni nei tribunali internazionali.

L’azienda è fiduciosa riguardo alla Guyana. «Non andremo da nessuna parte», ha detto a DealBook in una e-mail una portavoce dell’azienda, Michelle Gray. Alcuni esperti affermano che le minacce di Maduro sono molto probabilmente solo spacconate legate all’anno elettorale. «Qualsiasi mossa volta a perseguire i beni della Guyana garantirebbe una risposta molto dura da parte degli Stati Uniti», ha affermato Helima Croft, responsabile della strategia globale sulle materie prime presso RBC Capital Markets ed ex analista della CIA. “Il Venezuela si troverebbe anche ad affrontare significative ripercussioni economiche”.

Ma il presidente della Guyana è preoccupato. “Non lo diamo affatto per scontato”, ha detto il presidente Irfaan Ali a DealBook dalla capitale, Georgetown. “Siamo molto preoccupati per la retorica della guerra che può destabilizzare la nostra regione”, ha affermato.

Sono in fase di negoziazione più di una dozzina di blocchi di esplorazione nel paese, il che suggerisce che le aziende stanno escludendo la guerra, ha detto Ali. Ma, ha aggiunto, “le minacce di guerra hanno già influito sul costo dell’assicurazione o della spedizione per noi qui in Guyana”. Ha incontrato Maduro il mese scorso per cercare di allentare le tensioni.

La Guyana sta giocando duro nelle trattative con i giganti del petrolio, estraendo il 10% di royalties (in contrapposizione al 2% di royalties nel suo attuale accordo con Exxon) e aggiungendo una nuova imposta sulle società del 10%. E Ali è impegnato a contenere le aspettative in patria, dove i cittadini sognano ricchezze dall’oggi al domani. Secondo lui sono necessari miliardi per le scuole, le cliniche, le strade, l’agricoltura e per le comunità costiere a prova di clima. La sfida è convincere la gente che, sebbene il Paese sia ora ricco, la disciplina fiscale è essenziale.

“Dobbiamo sviluppare una visione a lungo termine”, ha detto Ali.


Richard Bove è analista bancario da 54 anni, fornendo in termini schietti il ​​suo punto di vista che ad alcuni dei suoi obiettivi non è piaciuto. Ora, all’età di 83 anni, Bove va in pensione con un colpo d’addio all’economia americana e ai suoi colleghi, scrive Rob Copeland del Times.

«Il dollaro non è più la valuta di riserva mondiale», ha detto Bove. La Cina supererà gli Stati Uniti diventando la più grande economia del mondo, ha continuato, e nessun altro analista lo ammetterà perché dipende dal sistema finanziario esistente. Sono “monaci che pregano per il denaro”, ha detto, non disposti a criticare un sistema che li ha resi ricchi.

I leader di Wall Street erano divisi sulla loro opinione sulle sue dichiarazioni. Jamie Dimon, il capo di JPMorgan Chase, ha trovato il lavoro di Bove “perspicace”. Brian Moynihan della Bank of America non lo fece e si rifiutò di parlargli per un decennio dopo che Bove aveva criticato il suo passaggio all’investment banking.

«Mi è piaciuto essere un rompicoglioni, a volte», ha detto. «La maggior parte delle volte.»

Grazie per aver letto! Ci vediamo lunedì.

Gradiremmo il tuo feedback. Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.

¿De cuánta utilidad te ha parecido este contenido?

¡Haz clic en una estrella para puntuarlo!

Promedio de puntuación 0 / 5. Recuento de votos: 0

Hasta ahora, ¡no hay votos!. Sé el primero en puntuar este contenido.